uomini compagni amanti crescita personale

Da far leggere ai Vostri compagni… Tutto il resto è noia

Crescita Personale è condivisione con i vostri compagni

Crescita personale è soprattutto la consapevolezza di cosa sia importante nella propria vita, quale sia il proprio obbiettivo e cercare di trovare in noi le risorse per arrivare al risultato desiderato. Ma non vi è mai capitato di sentire tutto il peso solo su di voi? Ma non vi siete mai sentite a volte “succubi” dei DOVERI e ormai i PIACERI sono relegati alla vostra gioventù quando l’unico pensiero era quello di preparavi per la serata con le amiche?

Trovo corretto che se una Donna ha scelto di condividere la propria vita con un’altra persona debba pure condividere gioie e dolori e pertanto, se noi ci rendiamo conto di un nostro malessere, è anche giusto che le persone che ci sono accanto si rendano conto che noi siamo delle persone importanti tanto quanto LORO.

Si è vero che ormai abbiamo “la pelle dura” e ” le spalle grosse” per affrontare le giornate “casa – lavoro- famiglia”, ma è anche vero che se abbiamo accanto un marito, compagno, amante, DEVE rendersi conto che anche noi abbiamo le nostre debolezze, difficoltà, le nostre richieste. E’ pertanto nostro compito fargli capire che alla sera, quando LORO tornano a casa da una giornata di lavoro,  ci bastano SOLO 15 minuti del loro ascolto…  “tapparci la bocca” con risposte o conclusioni affrettate perché loro non hanno voglia di sentirci non è quello di cui abbiamo bisogno perchè NOI non siamo state a “girarci i pollici” tutto il giorno. Perchè noi dobbiamo subirci “una tragedia greca”  quando sono ammalati mentre, se succede che stiamo male noi non possiamo PERMETTERCI di restarcene sul divano a fare niente perché la cena, i bambini,  rassettare la casa, di chi è sempre e comunque il dovere di farlo?!

Io sono fiduciosa…. so che ho scelto un uomo, e anche voi donne che leggete queste parole 🙂 , che è una persona intelligente, comprensiva a cui dobbiamo far capire che NOI DUE abbiamo scelto di ESSERE FELICI INSIEME e di vivere e CONDIVIDERE ogni giorno. Chiedete ai vostri compagni di CRESCERE con voi, solo così riuscirete ad arricchire la vostra vita.

Vi lascio una lettura per il vostro Compagno, amante, Marito, UOMO, perché capisca quanto sia importante la propria DONNA e Condividete con loro la vostra voglia di CAMBIARE per essere felici insieme.

Crescere Personalmente significa dare importanza a quello che veramente conta… tutto il resto è noia!

 

Mentre mia moglie mi serviva la cena, mi feci coraggio e dissi:
“voglio il divorzio!”
Vidi il dolore nei suoi occhi e mi chiese con voce bassa:
“perché?”
Non le risposi e lei pianse tutta la notte. Mi sentivo molto in colpa, così decisi di lasciarle la casa, l’auto e il trenta per cento del nostro negozio. Lei appena vide l’atto lo strappo in mille pezzi e mi disse le sue condizioni.
Voleva soltanto un mese di preavviso, il mese che stava per cominciare l’indomani.
“ricordati del giorno in cui ci sposammo, mi portasti in braccio e mi portasti nella nostra camera da letto. In questo mese ogni mattina devi fare lo stesso, ma devi lasciarmi fuori dalla porta di casa”
Pensai che avesse perso il cervello, ma accettai.
Quando la presi in braccio il primo giorno eravamo tutti e due imbarazzati, nostro figlio invece camminava dietro di noi e diceva:
“grande papà!”
Il secondo giorno eravamo entrambi più rilassati. Mi resi conto che era da tantissimo tempo che non la guardavo così. Mi resi conto delle sue rughe e delle sue ciocche bianche.
Il quarto giorno, prendendola in braccio, avvertii che tra di noi stava tornando l’intimità. Lei era la donna che avevo sposato dieci anni prima. Lei era la donna che mi aveva donato la sua giovinezza, il suo amore ed un figlio.
Nei giorni a seguire ci avvicinammo sempre più.
Ogni giorno era sempre più bello prenderla in braccio e il mese passava velocemente.
Pensai che mi stavo abituando ad alzarla e che ogni giorno mi sembrava più leggera, ma mi resi conto che stava dimagrendo.
L’ultimo giorno, nostro figlio venne nella nostra stanza e disse:
“papà, è arrivato il momento di portare la mamma in braccio”
Per lui ormai era diventato un momento importante nella sua giornata.
Mia moglie l’abbracciò forte e io nel mio cuore capii che avevo cambiato il mio modo di vedere il divorzio.
Ormai prenderla in braccio e portarla fuori per me cominciava ad essere come la prima volta, la abbracciai senza muovermi e sentii quanto era leggera e delicata, e mi venne da piangere!
Andai in un negozio di fiori e le presi un mazzo di rose e le feci scrivere su un bigliettino:
“ti prenderà in braccio ogni giorno finché morte non ci separi.”
Andai a casa di corsa e appena apri la porta mi dissero che mia moglie era in coma e si trovava in ospedale.
Stava lottando contro il cancro ed io non me n’ero accorto.
Sapeva che stava per morire per questo mi chiese un mese, un mese affinché a nostro figlio rimanesse il ricordo di un padre ed una madre innamorati e divertenti.
Lei aveva chiaro quale fossero I dettagli importanti in una relazione. Non sono casa, macchina o soldi. Queste sono cose effimere che dividono una coppia.
A volte non diamo il giusto valore a ciò che abbiamo finché non lo perdiamo.

Spero che ti sia piaciuto quello che hai letto e che ne farai tesoro! Rita